IL LEADER DELLE BONIFICHE DEL CEMENTO AMIANTO
COSTRUZIONI INDUSTRIALI
COSTRUZIONI CIVILI
  R.F.M. da 30 Anni sul mercato
 

In order to view this object you need Flash Player 9+ support!

Get Adobe Flash player
AMIANTO
 
Asbestosi
   
È una malattia respiratoria cronica a decorso
progressivo, fortemente invalidante, causa di insufficienza respiratoria cronica, irreversibile.
Il fumo di sigaretta agisce sfavorevolmente
sul decorso della malattia, favorendo la tendenza evolutiva della stessa.
E' legata alle proprietà delle fibre di asbesto
di provocare una cicatrizzazione (fibrosi) del tessuto polmonare; ne conseguono irrigidimento e perdita della capacità funzionale.
Le cattive condizioni di lavoro che esistevano una volta nella produzione d'amianto, nella fabbricazione di prodotti a base di amianto e in altre professioni che comportavano una esposizione alle fibre e alle polveri d'amianto sono stati all'origine di forti tassi di prevalenza tra gli operai addetti per più di 20 anni.
 
Cancro dei Polmoni
   

L'amianto può determinare un effetto cancerogeno per il polmone. Questa patologia, contrariamente al mesotelioma, è frequente anche per altre cause. E' stata riscontrata una stretta relazione con la l'abitudine al fumo di tabacco.
Il rischio di contrarre questo tumore nei non
fumatori non esposti ad asbesto risulta di 11
su 100.000 persone l'anno; nei non fumatori
esposti ad asbesto risulta circa 5 volte superiore; nei fumatori che non sono esposti ad asbesto è circa 10 volte superiore, ed è addirittura oltre 50 volte superiore nei fumatori che sono anche esposti ad asbesto.

L'eliminazione almeno del fumo è quindi in grado di contribuire a ridurre la probabilità di
contrarre tumori polmonari anche in lavoratori che sono stati esposti ad asbesto. Il cancro dei polmoni dovuto all'amianto non è clinicamente diverso da un cancro senza rapporto con l'esposizione a tale minerale.

MESOTELIOMA MALIGNO DELLA PLEURA
L'amianto può determinare un effetto cancerogeno anche per le membrane sierose
(mesotelioma pleurico, cardiaco, peritoneale).

I mesoteliomi vengono ritenuti, vista la loro estrema rarità, il tumore "spia" di una esposizione ad amianto anche se in qualche
caso tale tipo di tumore può verificarsi anche
in soggetti per i quali non si riesce ad individuare all'anamnesi l'esposizione professionale. Sono stati descritti casi di mesotelioma in persone residenti intorno a miniere di asbesto o nelle città sede di insediamenti industriali con lavorazioni dell'amianto, in familiari venuti in contatto con le polveri accumulatesi sulle tute di
lavoratori direttamente esposti.
L'esistenza di mesoteliomi nei residenti e nei familiari mostra che possono essere pericolose
anche esposizioni a basse concentrazioni di asbesto. In genere il tempo di latenza (ovvero
il tempo che intercorre tra l'esposizione ad amianto e la comparsa della malattia) è dell'ordine di decenni, generalmente non meno 25-30 anni e più dall'inizio dell'esposizione.
È stato accertato che l'esposizione all'amianto
poteva provocare il cancro della laringe o delle
vie gastro-intestinali. Si è sospettato inoltre che
l'ingestione di amianto poteva provocare un cancro gastro-intestinale e almeno uno studio
ha evidenziato un rischio maggiore derivante
da concentrazioni anormalmente elevate di amianto ingerite attraverso l'acqua potabile.
Tuttavia, tali suggerimenti non sono stati sempre confermati da prove raccolte nel corso dei relativi studi. L'esposizione all'amianto può inoltre provocare placche pleuriche. Tali placche sono spesse zone fibrose o parzialmente calcificate in alcuni punti, che partono dalla superficie della pleura e possono essere individuate mediante una radiografia del petto o una tomografia computerizzata (TAC). Le placche pleuriche non hanno un decorso maligno e non alterano normalmente le funzioni del polmone.

 
 
     
 

Amianto: cos'è?


L’amianto o asbesto è un minerale presente in natura costituito da silicati a struttura cristallina e fibrosa; di esso esistono giacimenti e miniere in numerosi paesi del mondo tra cui l’Italia, che è stato il maggior produttore europeo.
La bassa conducibilità termica e l’elevata resistenza agli agenti chimici ed alla trazione, sono alla base dell’elevato potere isolante e coibentante dell’amianto. Molto diffuso in natura, può essere filato o tessuto, con eccezionali caratteristiche di incombustibilità e coibenza (capacità di isolante termico, elettrico o acustico). Alla definizione delle sue caratteristiche concorre anche la sua particolare fibrosità che si può visivamente rappresentare allineando ipoteticamente fianco a fianco in un centimetro:

 
 

- 250 capelli

- 500 fibre di nyon

 

- 350.000 fibrille di amianto

 
Perchè è pericoloso?
L’Amianto è pericoloso quando è disperso nell’aria sotto forma di microscopiche fibre invisibili ad occhio nudo. La respirazione di queste fibre d’amianto può provocare principalmente tre malattie:
  • Asbestosi (cicatrizzazione dei tessuti del polmone)
  • ŸCancro
  • al polmone
  • ŸMesotelioma, cancro della pleura
  Amianto
   

L'AMIANTO È PERICOLOSO IN CASO DI:


- ŸDeterioramento Ÿ

- Esposizione agenti atmosferici

- ŸPresenza di licheni

Ÿ- Danneggiamento

- ŸManipolazione

 

     

La pericolosità dell'amianto è legata:

  • ŸAlla possibilità di dispersione di fibre nell'aria
  • ŸAlla friabilità del materiale
 
   
     
  Costruzione Facciate  
  Costruzione FacciateL’innovazione è nel rinnovamento. Grazie ai servizi RFM, oggi è possibile ottenere una nuova immagine della propria azienda con costi estremamente ridotti. La ricopertura delle facciate dei vostri vecchi edifici è infatti la soluzione più rapida,

 
 
  Bonifica tramite Confinamento  
  Bonifica Tramite ConfinamentoLa rfm srl data la sua vasta esperienza, con il passare degli anni, ha messo a punto un sistema di sovracopertura brevettato, costituito da materiali
speciali di altissima qualità non reperibili sul mercato, e prodotti in esclusiva per la nostra azienda.